In questa sezione sono collocati gli scritti di natura prevalentemente teorica relativi alla mia pratica clinica di Psicoanalista. Lo sfondo teorico è quello di una nuova prospettiva della psicoanalisi, frutto dell’insegnamento dei miei maestri Sergio Finzi e Virginia Finzi Ghisi. La psicoanalisi si presenta così fecondata, oltre gli apporti teorici dei padri fondatori, da Freud a Lacan, anche dall’incontro con il pensiero di autori come Giordano Bruno, Darwin, Paul Klee, Joice e altri.
Questo incontro ha arricchito la psicoanalisi di nuove categorie, come quelle di nevrosi di guerra in tempo di pace, luogo della fobia, fondamento psicotico del soggetto, sogno come teoria e non come interpretazione e altre, e si è dotata di utili strumenti per nuove pratiche di intervento e di cura delle quali gli scritti che seguono cercheranno di dare in qualche modo testimonianza.

ADOLESCENZA E DELINQUENZA

Parlare di adolescenza e delinquenza oggi richiede una precisazione iniziale di fondo per distinguere, rimandandole a una riflessione successiva, tutte le esperienze microcriminali degli adolescenti tossicodipendenti. In questi casi infatti il comportamento delinquenziale rimane completamente subordinato all'obiettivo primario di procurarsi la sostanza. Accanto a questa esiste però tutta un'area di comportamenti comunemente definiti come "delinquenziali" che hanno come protagonisti privilegiati gli adolescenti.

Leggi tutto...

ADOLESCENZA E IDEALI: rapporto del soggetto con gli ideali e le illusioni

Uno dei luoghi comuni più radicati è quello che vede l'adolescenza come "l'età degli ideali". Per gli adulti, questo stereotipo si coniuga "in positivo" attraverso un'educazione pianificata dell'adolescente al cosiddetto "mondo dei valori" e, "in negativo", attraverso la denuncia del disagio giovanile come effetto di una mancanza di sensibilità ai valori ideali a carico delle nuove generazioni. La questione è talmente delicata e complessa che si sarebbe tentati di rimandarla a una trattazione più ampia e adeguata. È anche vero però che qualcosa si deve tentare di dire a questo punto del nostro discorso, nella speranza di non travisarne il senso a motivo della brevità.

Leggi tutto...

ADOLESCENZA E DISAGIO PSICHICO

I compiti che l'apparato psichico dell'adolescente è chiamato a risolvere sono talmente gravi che non è infrequente registrare dei cedimenti o dei vacillamenti psichici che hanno fatto pensare a un particolare legame tra adolescenza e follia. Qualcosa di vero ci deve essere senz'altro se si pensa ad esempio che l'adolescenza è l'età privilegiata per l'emergenza di una schizofrenia e che molti psichiatri non esitano a classificare quasi tutti gli adolescenti con problemi psichici di una certa entità nella categoria clinica di "borderline" o "stati-limite" tra nevrosi e psicosi.

Leggi tutto...

ADOLESCENZA E TOSSICOMANIA

Parlare di tossicomania o di tossicodipendenza significa per la psicoanalisi delimitare in un certo senso il campo della propria azione e influenza, in quanto la scelta di usare certe sostanze si presenta generalmente come alternativa (nel senso che la esclude) all'offerta che la psicoanalisi prospetta al soggetto per far fronte al disagio psichico legato al vivere.
Quando Freud (L’avvenire di un’illusione,1927) parla dei rimedi a disposizione dell'uomo per fronteggiare l'eccessiva durezza della vita, stila una classifica tripartita così concepita:

Leggi tutto...

LA NOZIONE DI NEVROSI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE

Nova Species
La nozione di nevrosi di guerra in tempo di pace è nuova ed è frutto del lavoro teorico, basato sulla clinica, di Sergio Finzi che, a partire dal riconoscimento di alcune difficoltà riscontrate nel lavoro di analisi, ne individua la causa nel “mancato riconoscimento della specifica sindrome, quella della figura della clinica della quale, avendola individuata, posso appropriarmi come Freud del sogno: mia la talea, mio lo strato di concime, e una nova species mihi”.

Leggi tutto...

LIBRO CONSIGLIATO

i piedi figliol prodigo Premoli Sergio